Salta il contenuto

Valutato 5 stelle su Facebook ⭐ ⭐ ⭐ ⭐ Guarda le nostre recensioni

Valutato 5 stelle su Facebook ⭐ ⭐ ⭐ ⭐ Guarda le nostre recensioni

Intolleranza al lattosio nei neonati, come accorgersene e come intervenire

Intolleranza al lattosio nei neonati, come accorgersene e come intervenire

Se allatti al seno il tuo bambino appena nato e subito dopo vomita, soffre di diarrea o di reflusso, il tuo piccolo potrebbe essere intollerante al lattosio.

Se il bambino non è in grado di digerire neanche il latte materno, probabilmente è intollerante. L’intolleranza al lattosio nei neonati può essere motivo di preoccupazione dal momento che non sono in grado di avere la loro unica fonte di nutrizione, il latte materno.

Che cos’è l’intolleranza al lattosio nei neonati?

L’intolleranza al lattosio, chiamata anche intolleranza al latte o ipolattasia, è una condizione in cui un neonato non è in grado di digerire il lattosio, un tipo di zucchero presente nel latte di tutti i mammiferi. L’intolleranza si verifica a causa dell’incapacità dell’intestino tenue di produrre livelli sufficienti dell’enzima chiamato lattasi.

La lattasi suddivide il lattosio in molecole più semplici che sono più facili da assorbire per il corpo. Un’insufficienza o assenza di lattasi impedisce la rottura del lattosio, provocando così la famosa ed odiata intolleranza al lattosio.

L’intolleranza al lattosio può essere primaria, secondaria o congenita, a causa di diversi motivi.

Quali sono i sintomi dell’intolleranza al lattosio?

Questi sintomi di intolleranza al lattosio si manifestano da 30 a 120 minuti (due ore) dopo il consumo di qualsiasi latte, compreso il latte materno, la formula a base di latte e persino il latte di mucca fresco:

  • Dolore addominale e crampi: il bambino si arriccia le gambe o strofina la pancia indicando che si sente a disagio intorno a quella parte. Il piccolo può piangere ripetutamente a causa del dolore.
  • Gonfiore e flatulenza: la pancia del neonato apparirà gonfia e il piccolo emetterà frequentemente gas. La pancia può essere rigida a causa dell’aria intrappolata, e il bambino potrebbe strillare anche quando si preme delicatamente la pancia.
  • Diarrea acquosa: le feci si assottigliano e provocano una diarrea acquosa. Le feci potrebbero avere un odore pungente a causa della sua elevata acidità causata dal lattosio non digerito.
  • Nausea e vomito: il vomito segue la nausea e il bambino si sente sempre male.

Corri dal dottore quando vedi questi sintomi poiché possono diventare rapidamente gravi. Una diagnosi medica verificherà se il bambino soffre di intolleranza al lattosio.

Come viene diagnosticata?

Un test delle feci è un test di intolleranza al lattosio ideale per i neonati. Viene raccolto un campione di feci e viene analizzata la sua acidità. Se le feci sono altamente acide, indica la presenza di lattosio non digerito. Poiché il lattosio è un tipo di glucosio, il test delle feci controlla anche la presenza di glucosio in eccesso.

Un altro test è l’analisi del sangue in cui vengono misurati i livelli di glucosio. Entrambi i test richiedono il consumo preventivo di una bevanda ricca di lattosio dopo diverse ore di digiuno, il che non è raccomandato per i bambini.

Un test delle feci, che è indolore e facile, è quindi ampiamente usato per diagnosticare l’intolleranza al lattosio nei bambini.

Una diagnosi confermata è un passo verso il trattamento della condizione e la prevenzione dei periodi ripetuti di sintomi.

Come trattare l’intolleranza al lattosio nei bambini?

Non vi è alcun trattamento per l’intolleranza al lattosio nei neonati a meno che non sia temporaneo. L’incapacità temporanea di digerire il lattosio può essere indotta dalla gastroenterite batterica, che è curabile attraverso l’uso di antibiotici.

L’intolleranza al lattosio primaria di solito non ha impatto sul bambino poiché il deficit di lattasi inizia solo dopo i cinque anni. Un neonato può quindi ottenere un’alimentazione adeguata dal latte materno e da altri prodotti a base di latte.

L’intolleranza al lattosio secondaria e congenita non può essere trattata e il bambino deve convivere per sempre con la condizione e deve evitare prodotti a base di latte per tutta la vita. Non ci sono farmaci per stimolare la produzione di lattasi, sebbene ci siano integratori di enzimi lattasi che possono essere usati per trattare l’intolleranza al lattosio.

Articolo precedente Quando il seno perde latte
Articolo successivo Perché fa bene portare i bambini al mare

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di apparire

* Campi richiesti