Salta il contenuto

💳 Da oggi paga anche a rate, senza busta paga e con carta ricaricabile

💳 Da oggi paga anche a rate, senza busta paga e con carta ricaricabile

Pulire e disinfettare il ciuccio e il biberon

Pulire e disinfettare il ciuccio e il biberon

Sterilizzare ciucci e biberon è uno dei metodi più utili per proteggere il nostro bambino dai germi. Non bisogna necessariamente farlo dopo ogni utilizzo e generalmente per il biberon basta fare un ciclo in lavastoviglie con acqua calda, ma in via totalmente generica bisogna comunque sempre lavare ciuccio e biberon prima di sterilizzare il tutto.

Ricordiamo che è molto importante sterilizzare ciuccio e biberon più frequentemente soprattutto quando il bambino è malato.

Si può procedere alla sterilizzazione in più modi, grazie alla sterilizzazione, il vapore o soluzioni specifiche per questo compito.

Perché sterilizzare ciuccio e biberon?

Tendenzialmente, lo si fa per eliminare i germi da tutti gli oggetti che il bambino si porta alla bocca. Nei primi mesi di vita infatti sono ancora scarse e poco sviluppate le difese immunitarie del neonato.

Ma fino a che età è giusto sterilizzare gli oggetti del bambino? Alcuni pediatri sostengono che sia importante farlo solo per i primi due o tre mesi di vita del bambino, altri invece consigliano di continuare fino a sette o otto mesi ed altri ancora che suggeriscono di non farlo affatti! Infatti, ultimamente la pratica della sterilizzazione è stata quasi del tutto abbandonata per i bimbi che vengono allattati al seno. Intanto dobbiamo specificare che è inutile sterilizzare tutti gli oggetti del bambini perché i germi sono parte della quotidianità della nostra vita e servono anche a far sì che il bimbo possa sviluppare le proprie difese immunitarie in maniera progressiva e costante. Dunque sì, è preferibile sterilizzare ciuccio e biberon nei primi mesi di vita, ma che non diventi una pratica abituale e lavando semplicemente a fondo gli oggetti che mette nella bocca.

Quali sono le diverse tecniche di sterilizzazione?

Esistono, come abbiamo già ripetuto, tre modi di sterilizzazione, ossia a caldo con vapore o tramite bollitura ed a freddo con soluzioni predisposte.

Sterilizzazione a caldo

  • Sterilizzazione a vapore: in questo caso esistono in commercio anche diversi sterilizzatori a vapore che scaldano l'acqua fino ad ebollizione così che possa essere utilizzata la forza di eliminazione dei germi del vapore possa sterilizzare a fondo il ciuccio oppure il biberon. In questo caso non si utilizzano sostanze chimiche e gli sterilizzatori hanno un range di prezzi che va dai 20€ fino ai 100€ per i modelli più compatti e versatili.
  • Sterilizzazione a bollitura: questo è uno dei metodi classici di sterilizzazione ed è anche uno dei più fecili, in quanto consiste semplicemente nel portare ad ebollizione dell'acqua in una pentola e lasciare in immersione gli oggetti da sterilizzare durante la bollitura. Bisogna che ciuccio e biberon rimangano a bollire per almeno 20 minuti e siano dopo asciugati per bene con uno straccio in cotone.

Sterilizzazione a freddo

  • Sostanze chimiche: per la sterilizzazione a freddo esistono delle sostanze sotto forma di liquido o compressa ce bisogna sciogliere in una ciotola con dell'acqua fredda. Dopo che la sostanza si è totalmente diluita, bisogna immergervi all'interno il ciuccio oppure il biberon. Dopo averli lasciati a mollo per un po' ed esservi assicurati che siano sterilizzati, si devono lavare ed asciugare (proprio perché si sono utilizzate sostanze chimiche) e sono pronti per essere utilizzati!

A questo punto è giusto fare una riflessione sulla necessità effettiva di dover sterilizzare tutto ciò con cui il bambino viene a contatto. Non bisogna farlo troppo, non bisogna farlo oltre il periodo di tempo raccomandato e soprattutto non bisogna avere la pretesa di vivere in ambienti serilizzati perché non sarebbe sano soprattutto per la vita del bambino.

Articolo precedente Cibi che causano costipazione nei bambini

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di apparire

* Campi richiesti