Salta il contenuto

💳 Da oggi paga anche a rate, senza busta paga e con carta ricaricabile

💳 Da oggi paga anche a rate, senza busta paga e con carta ricaricabile

Quando il seno perde latte

Quando il seno perde latte

Solitamente il seno perde latte durante la montata lattea. La montata lattea è la produzione di latte materno dopo il parto. Questa avviene dopo circa 2-3 giorni, periodo in cui invece c’è la fuoriuscita di colostro. È errato pensare che la montata lattea possa non avvenire ma è sicuramente importante stimolare la fuoriuscita di latte.
È importante infatti affinché la montata lattea arrivi stimolare il seno attraverso la suzione del bambino.

Se il seno perde latte è in arrivo la montata lattea?

Ci sono dei segnali che mi indicano che la montata lattea è in arrivo e l’allattamento è avviato con successo.

Questi segnali sono:
● Seno gonfio e dolente
● Seno caldo
● Capezzoli turgidi
● Pelle arrossata
● Perdita di latte dal seno

Cosa fare quando arriva la montata lattea?

I seni, come anticipato, saranno gonfi al tatto e spesso dolenti perché avranno bisogno di essere “svuotati” . Ragion per cui quando il seno perde latte ogni mamma dovrà attaccare al seno il suo bambino.
È importante alternare i seni con cadenza regolare ( stesso tempo di poppata per entrambi i
seni,soprattutto nel primo periodo) per regolare la produzione di latte e fare in modo che non
si accumuli latte nei dotti galattofori.
Ogni mamma con il tempo troverà il suo ritmo compatibile con il proprio bambino ma è
necessario all’inizio adottare un metodo per evitare :
● Seno dolente
● Ragadi
● Infiammazione
● Febbre

Il miracolo della vita attraverso l’allattamento al seno

Conosci l’importanza di allattare al seno?

Ecco cosa rappresenta il “miracolo” della vita, ogni mamma produce la quantità e la qualità adatta di latte per il suo bambino. E’ dimostrato infatti che il latte cambia in base alla salute del neonato. Il bambino con la sua saliva a contatto col capezzolo comunica alla mamma la sua esigenza di latte. Così se il bambino sta male la madre produce latte con più anticorpi, se è in uno scatto di crescita produce una quantità maggiore di latte. A sua volta il bambino allattato aiuta a proteggere la madre dalla possibilità di contrarre un tumore al seno riducendone le probabilità. E’ questo il miracolo della vita: così come in pancia, mamma e bambino anche dopo il parto sono legati in un’unica connessione essendo l’una necessaria all’altro e viceversa per tutta la vita.

Consigli utili: cosa fare quando il seno perde latte?

Prima e dopo ogni poppata applicare sul seno un impacco di acqua calda, questo scioglierà eventuali accumuli di latte e aiuterà a prevenirne altri, inoltre durante ogni doccia restare con il getto di acqua calda direttamente sul seno per circa 5 minuti.

Utilizzare un reggiseno da allattamento, creato apposta per essere comodo durante la poppata ma anche per essere delicato sulla pelle (per l’assenza di ferretti) e quindi non pressare in alcun modo il seno.

Tenere applicati al seno i dischetti per l’allattamento per la fuoriuscita di latte ed evitare di sporcarsi (questi andranno cambiati ad ogni poppata e tutte le volte che si sente l’esigenza).

Dopo ogni poppata applicare l’olio di mandorle dolci per tenere il capezzolo morbido ed evitare che si creino delle ferite che danno origine alle ragadi (inoltre applicare l’olio di mandorle sul seno così come su tutto il corpo rende la pelle più elastica prevenendo le smagliature).
Prima e dopo ogni poppata nel caso in cui la mamma non possa utilizzare acqua, detergere il seno con salviette specifiche per il seno, gesto igienico necessario prima che il bambino si attacchi.

Adesso che sai i benefici dell’allattamento puoi comprendere appieno il miracolo della vita.
Noterai che i consigli dati sono per la cura del tuo corpo questo perché è solo curando te stessa che riuscirai a prenderti cura degli altri ed in particolare del tuo bambino. Ora sei una mamma ma non hai smesso di essere una donna, questo è il rispetto che devi a te stessa.

Dott.ssa Sara Menzione

Articolo precedente Impara a leggere il linguaggio del corpo del tuo neonato
Articolo successivo Intolleranza al lattosio nei neonati, come accorgersene e come intervenire

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di apparire

* Campi richiesti