Salta il contenuto
Come richiedere assegno unico figli 2022

Come richiedere assegno unico figli 2022

A partire da gennaio 2022 l'incentivo Bonus corredino viene assorbito dall'assegno unico per i figli.

(Leggi qui l'articolo del Bonus Corredino)


Ciò non vuol dire che le future mamme non potranno godere di benefici economici per la nascita del loro bambino, ma semplicemente che questo contributo verrà sostituito con l'assegno unico universale.

Questo incentivo potrà essere richiesto da ogni mamma dal settimo mese di gravidanza e potranno usufruirne ogni mese fino al raggiungimento dei 21 anni del figlio.
Ciò significa che l'incentivo riguarderà un tempo ben più prolungato rispetto al singolo bonus nascita o bonus corredino e sarà calcolato in base al reddito del nucleo familiare e in base al numero di figli presenti nello stato di famiglia.

 

Come funziona l'Assegno unico

L'assegno unico familiare, come abbiamo detto, spetta di diritto alle donne che abbiano raggiunto il settimo mese di gravidanza e sarà in vigore fino al compimento del ventunesimo anno di età del figlio.


Questo incentivo spetta a tutti i nuclei familiari, senza fare distinzione dalla condizione lavorativa e quindi potranno beneficiarne anche i genitori che non lavorano, che percepiscono reddito di cittadinanza o che svolgono un lavoro autonomo e senza limiti di reddito.

L'assegno è erogato fino alla maggiore età del figlio e negl'anni successivi a questo periodo, fino al compimento del ventunesimo anno di età, potrà essere emesso solo se si attesta che il medesimo frequenti un corso di formazione scolastica o professionale, sia iscritto all'Università, svolga un tirocinio o un'attività lavorativa con un reddito inferiore agli 8000 annui, oppure che sia registrato come disoccupato e sia in cerca di impiego.

 

Requisiti per l'assegno unico familiare

Per ottenere l'assegno unico familiare bisognerà essere cittadino italiano o membro dell'Unione europea, oppure cittadino extracomunitario con regolare permesso di soggiorno;
sarà inoltre necessario che il richiedente sia residente in Italia da almeno due anni.

L'importo dell'assegno unico familiare varia in base all'ISEE del nucleo familiare che ne fa richiesta e dipenderà anche dall'età dei figli.
Per ogni figlio minorenne l'importo può variare dai 175 euro ai 50 euro al mese, mentre per i figli maggiorenni l'importo varia dagli 85 ai 25 euro al mese, sempre secondo l'ISEE presentato.

Per ciascun figlio con disabilità è prevista una maggiorazione, così come per i nuclei familiari che abbiano più di due figli a carico.

 

Come presentare la domanda per l'assegno unico

La domanda per l'assegnazione dell'assegno unico familiare può essere presentata tramite il sito INPS o utilizzando i servizi offerti dagli Istituti di Patronato presenti nel proprio comune.

Questa domanda può essere presentata ogni anno a partire dal primo gennaio e in questo caso il richiedente avrà anche modo di aggiungere ulteriori figli per le nuove nascite.
Chi percepisce già il reddito di cittadinanza non dovrà presentare la domanda, in quanto l'assegno unico verrà erogato in automatico.

Per i nuovi nati, la richiesta dell'assegno unico potrà avvenire solo se si è in possesso del Codice Fiscale del bambino; una volta ottenuto l'assegno, saranno erogati anche gli arretrati a partire da settimo mese di gravidanza.

Potrebbero interessarti anche

Borsa cambio: i consigli degli esperti
Borsa cambio: i consigli degli esperti
Borsa cambio: Cosa non può mancare. Mamma sei pronta a dire arrivederci alla tua borsetta? Lo so, non è facile, ma so...
Read More
Covid19: Coronavirus in gravidanza e in allattamento.
Covid19: Coronavirus in gravidanza e in allattamento.
La pandemia causata dal coronavirus sta destando molta preoccupazione e le domande sono tante,tra queste alcune rigua...
Read More

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di pubblicazione

* Campi obbligatori