Salta il contenuto

Approfitta del codice "WELCOME10" solo per i kit inseriscilo nel carrello e riceverai il 10% di sconto.

Approfitta del codice "WELCOME10" solo per i kit inseriscilo nel carrello e riceverai il 10% di sconto.

COS'È LA TOXOPLASMOSI? Attente ai gatti, mamme!

COS'È LA TOXOPLASMOSI? Attente ai gatti, mamme!

COS'È LA TOXOPLASMOSI? Attente ai gatti, mamme!

Cara Mamma,
Ti ho mai raccontato della mia amica Roxy?
Roxy è una bellissima gatta color zucca di sette anni. Vive come randagia e dorme nel cortile del condominio di mia nonna. Tutti amano Roxy, la coccolano e la viziano portandole sempre del cibo. In particolare c’è una signora che ama dipingere e spesso scende con il suo cavalletto, un foglio e la tavolozza dei colori per ritrarla in tutto il suo splendore.
Qualche giorno fa ho fatto visita a mia nonna. Mentre aprivo il portone ho notato una ragazza sbirciare con terrore fuori dal portone. La sua paura era quella di incontrare il gatto per timore di contrarre la Toxoplasmosi perchè incinta.


Hai mai sentito parlare di questa infezione?

 

COS'È LA TOXOPLASMOSI E COME SI CONTRAE?
La Toxoplasmosi è un’infezione. Essa si contrae attraverso un protozoo, detto
Toxoplasma gondii, che colpisce in maniera particolare gli animali, dai mammiferi ai rettili e dai molluschi agli uccelli. Nel momento in cui contraggono la malattia gli animali, e in particolare i nostri amici pelosi, fungono da veicolo di trasmissione.
Infatti il parassita può attaccare l’uomo nel momento in cui quest’ultimo entra in
contatto con le feci del proprio animale o addirittura con il terreno stesso in cui
l’animale ha defecato. Pertanto, se possiedi un gatto, è meglio che sia qualcun altro a
dargli da mangiare e pulire la lettiera o comunque fallo sempre indossando dei guanti.
Un altro modo che può mettere a repentaglio la nostra salute è la cottura della carne.
Per questo motivo ti consiglio sempre di cuocerla bene, soprattutto se sei incinta e di non assaggiarla mentre la stai cucinando. Inoltre ti suggerisco di lavare accuratamente anche la verdura o la frutta e alla fine detergerti le mani con il sapone.


QUALI SONO I SINTOMI E COSA COMPORTANO ?
Purtroppo ti devo rivelare che non è sempre semplice distinguere i sintomi della
Toxoplasmosi.
Partiamo dal presupposto che come ogni malattia ha il suo periodo di incubazione,
pertanto la diagnosi non è immediata.
Ad ogni modo, non appena avverti uno strano stato di stanchezza, mal di testa e mal di
gola, ingrossamento linfoghiandolare seguito da quell’orribile senso di “ossa rotte” e
infiammazione della zona visiva dell’occhio, ti consiglio di contattare il tuo medico.

Ovviamente sono sintomi che potrebbero essere scambiati con malattie generali, ma io penso sia sempre meglio prevenire.
Sottovalutare questi sintomi in gravidanza, significa mettere a repentaglio la tua salute e quella del tuo bambino. La toxoplasmosi infatti riesce ad attraversare la placenta e infettare il feto, causando possibili malformazioni o addirittura a aborti spontanei causando la spiacevole perdita del bambino.

COME COMBATTERE LA TOXOPLASMOSI?
Il primo trimestre della gravidanza è quello meno a rischio anche se è sempre meglio non sottovalutare la malattia e i danni che potrebbe causare in questa fase. Questo infatti è il momento in cui gli organi del tuo bambino stanno prendendo forma. Il rischio di contagio aumenta nelle settimane successive, in particolare nell’ultimo trimestre. Però essendo il bambino ben formato l’entità dei danni è minore.
Per stare più tranquilla ti suggerisco di effettuare un test di screening in qualsiasi ospedale. Questo banale prelievo del sangue permette di rilevare la presenza della malattia nel sangue e il stato di avanzamento.
Se il tuo test dovesse risultare positivo rimani calma e tira un sospiro di sollievo.
Sollievo, sì! Fortunatamente esistono diversi antibiotici contro la Toxoplasmosi
che prevengono l’infezione del tuo bambino e non intaccano la sua salute.

A questo punto abbiamo capito che la Toxoplasmosi non è una malattia da
sottovalutare.
Quello che voglio suggerirti quindi è di prestare sempre molta attenzione. Allontanare i gatti o evitarli non aiuta a prevenire questa malattia. E’ sicuramente meglio adottare comportamenti di prevenzione e maggiore sicurezza su più fronti.
A presto
L’esperta di Spio

Articolo successivo BONUS BEBÈ’: Cos’è e come si ottiene?

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di apparire

* Campi richiesti